Taglio manageriale | Il Blog

Ossigenoterapia in Salone e contratti capestro

Anche questa volta Striscia la Notizia è riuscita ad alzare un polverone nel settore dei Parrucchieri con i suoi 2 servizi sull’ossigenoterapia.

Se ti li sei persi, io correrei subito a vederli, si tratta di servizi che anche le tue clienti hanno guardato e che sono sulla bocca di tutti! Clicca qui per rivederli

Detto questo, io dopo averli visti mi sono convinto ancor di più di ciò che penso da anni del nostro settore.

Ho quindi riflettuto su cosa dovrebbe imparare un Parrucchiere da questo ennesimo caso raccontato da Striscia la Notizia. Ne è uscita una DOMANDA SCOMODA ma anche 4 CONSIGLI PRATICI per evitare CONTRATTI “da cappio al collo”.

🔴 NB: L’obiettivo di questo articolo NON E’ di parlare male dell’azienda coinvolta né delle aziende che propongono la macchina dell’ossigenoterapia. Quindi qualsiasi commento a questo articolo che riguardi nomi di aziende verrà cancellato.

Ciò su cui dobbiamo riflettere è che la colpa di quanto accaduto non è solamente dell’azienda che distribuisce il macchinario di ossigenoterapia.

Una parte di responsabilità è anche del Parrucchiere che ha deciso di sottoscrivere quel tipo di accordo commerciale.

Mi spiego.

Nessuna azienda, quando ti presenta le sue iniziative, ti punta una pistola alla testa costringendoti a firmare i suoi contratti

Non ho mai conosciuto nessun titolare costretto con la forza ad aderire a campagne commerciali o iniziative contro la sua volontà.

Puoi dirmi che in alcuni casi le aziende utilizzano metodi subdoli o aggressivi per vendere.

Su questo ti dò ragione e rincaro la dose dicendoti che sono la ROVINA del nostro settore.
Ma questo è un altro discorso e ci porta lontano dal nocciolo della questione di oggi.

Sono 10 anni che ascolto le lamentele di parrucchieri che:
✔️hanno capito di perdere soldi in contratti “da cappio al collo”
✔️hanno firmato accordi commerciali con vincoli lunghissimi da cui non poter più uscire se non devolvendo la maggior parte dei loro guadagni all’azienda alla quale si sono legati.

E la domanda che mi faccio è sempre la stessa:

“Ma perché hai firmato SENZA CAPIRE TUTTI I DETTAGLI di cosa stavi firmando?”

So che è una domanda scomoda e FASTIDIOSA e capisco di non esserti simpatico in questo momento.
Però consentimi di essere sincero e diretto.

Capisco il tuo enorme MAL DI STOMACO nel dire
“Sì, sono stato uno sciocco a firmare e adesso mi tocca pagare” (è successo anche a me, credimi, e ci ho rimesso anche un bel po’ di soldi).

➡️ Parlo dell’acquisto di macchinari a prezzi esorbitanti (come nel servizio di Striscia), di contratti di prodotti dove l’azienda ti OBBLIGA ad acquistare ciò che vuole lei e le quantità che lei decide.

➡️ Ma anche di clausole che ti SOFFOCANO per anni pur di avere l’arredamento tanto desiderato che “potevi comprare solo con i prodotti”.

Sto dicendo che LA COLPA E’ IN PARTE ANCHE TUA?

Assolutamente sì!
Purtroppo è così e personalmente non potrai farmi cambiare idea.

MA TUTTO QUESTO HA ANCHE UN RISVOLTO POSITIVO.

Dopo l’ennesimo “caso” scoppiato nel nostro settore (ti ricordi quello delle stirature brasiliane?) è arrivato il momento di mettere un punto E ANDARE A CAPO.

Come evitare Contratti capestro (da cui è difficile recedere)

1. Quando un’azienda ti propone qualcosa (un prodotto, un servizio, un macchinario…) NON SEI OBBLIGATA AD ACQUISTARLO perché nessuno ti punterà una pistola alla tempia costringendoti a firmare e a comprare subito.

Puoi sempre dormirci sopra una notte e prenderti tutto il tempo per decidere.
Non devi rispondere SUBITO per forza “sì” solo perché il rappresentante ti sta mettendo pressione.
Potresti anche pensare che quel prodotto o macchinario NON TI SERVE.
Se ti ricordi ho detto la stessa cosa dei Solari. Se non sei sicura che possano andare, perché comprarli per forza?

Hai la facoltà di dire NO.

2. Impara a riconoscere le tecniche di PRESSIONE PSICOLOGICA e SOCIALE che vengono utilizzate per farti firmare subito. 

Quando ti invitano in un Hotel molto chic, ti offrono da mangiare e da bere, ti fanno divertire e ti fanno vedere che “tantissimi tuoi colleghi” stanno avendo successo grazie alla novità che stanno cercando di venderti, ECCO lì devi capire che probabilmente stanno forzando la mano cercando di “farti firmare subito”.
Ricorda che comprare un prodotto PERCHÉ’ CE L’HANNO TUTTI non è una strategia commerciale corretta (assomiglia più a fare come le pecore).
Se ci segui da un po’ di tempo sai che PRIMA devi disegnare la tua strategia e POI scegliere se acquistare quel prodotto o quel servizio in linea con la tua strategia.

3. LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DI FIRMARE.

Sembra banale dirlo ma è la cosa PIÙ’ IMPORTANTE che devi fare: sapere cosa stai firmando è la Tua Regola Salvavita!
Firmare significa sottoscrivere un impegno che va rispettato, come hanno fatto i tuoi colleghi intervistati da Striscia.
Se ti accorgi a metà strada di aver fatto una cavolata sei comunque obbligata a rispettare i patti fino alla scadenza del contratto OPPURE a pagare le penali previste dal contratto (come quando cambi operatore telefonico prima della scadenza naturale del contratto).

Ma ti dirò di più.
Anche se il rappresentante ti ha detto che “è tutto semplice il meccanismo, firma qui e vedrai che non avrai problemi”, la tua unica ancora di salvezza è di farti lasciare il contratto e sottoporlo a chi se ne intende più di te, cioè un avvocato (meglio un avvocato piuttosto che un commercialista visto che il commercialista non si occupa di aspetti legali e contrattuali).
Ricorda: NON SEI OBBLIGATA A FIRMARE SUBITO. Leggi, rileggi e fai leggere quello che stai firmando.
E CHIEDI CHIARIMENTI se qualcosa non ti è chiaro.

4. FATTI 2 CONTI prima di firmare per capire SE NE VALE LA PENA.

So che Numeri e Parrucchieri sono spesso parole inconciliabili. Ma prima di avventurarti in contratti soffocanti è fondamentale capire SE CI GUADAGNERAI SOLDI o NE PERDERAI UN SACCO.
So che nessuno ti ha spiegato come farti i conti. Né la scuola né il commercialista né lo stesso rappresentante.
Però questo non ti giustifica né ti solleva dalle tue responsabilità.
Quindi, dopo aver ovviamente capito tutte le clausole del contratto, prenditi CARTA, PENNA e CALCOLATRICE e calcola quanto ci guadagnerai.
Ma calcola anche quanto tempo ti serve per RIENTRARE dall’investimento, qualora siano impegni di molti anni.
In questo caso puoi chiedere aiuto al tuo commercialista che ti può assistere nel capire esattamente la parte economica dell’accordo.

MORALE DELLA FAVOLA

Non conosco nel dettaglio altri settori, ma devo dire che nel nostro purtroppo molte aziende ROVINANO l’immagine di quelle che cercano di comportarsi il più seriamente possibile.

L’obiettivo di quanto ho scritto oggi è di VACCINARTI contro gli attacchi malefici di chi vuole sfruttare la tua Fiducia per fregarti i tuoi sudatissimi soldi.

Ripeto sempre anche a me stesso che la “colpa” non è mai tutta di una persona, ma ricade un po’ sull’uno e un po’ sull’altro.

Ma il tuo obiettivo dev’essere quello di essere sempre più CAPACE DI CAPIRE e ANALIZZARE le proposte che ti arrivano dalle aziende.

La PAZIENZA di capire le clausole del contratto e il FARSI 2 CONTI saranno le tue più fedeli ARMI contro trappole commerciali travestite da contratti che, fidati, continueranno a proporti per rubarti i tuoi sudatissimi soldi.

siamo Guido e Veronica

Taglio Manageriale è il nostro studio di consulenza marketing specializzato esclusivamente nel settore parrucchieri.

Scopri le nostre
Guide Gratuite