Taglio manageriale | Il Blog

Parrucchiere di qualità: come raccontare in cosa sei migliore

Quante volte, per descrivere ciò che fai in salone, il tuo modo di lavorare o i prodotti che utilizzi, hai usato l’espressione “parrucchiere di qualità”?

Lo stesso succede per molte aziende, anche piuttosto famose, che usano la parola “qualità” lasciando il significato all’interpretazione dei clienti:

Poltrone e Sofà – Artigiani della qualità“, “Carrefour – Qualità al giusto prezzo“, sono solo 2 esempi degli innumerevoli utilizzi di questa parola tuttora molto in voga tra le aziende.

Purtroppo è una parola che, proprio per l’abuso che se ne fa, viene percepita sempre più priva di significato e di appeal.

Il problema, infatti, è che può presupporre un’infinità di significati: se non specificati, tutti questi significati si perdono nell’indifferenziazione della parola stessa.

Si pensa quindi di utilizzare una parola potente che, alla prova dei fatti, risulta vaga e dai contorni sfumati.

Se parliamo di divani, a cosa si riferisce la qualità? Se parliamo di supermercati, cosa significa l’abbinata qualità e prezzi convenienti?

Le parole per spiegare perchè sei un “parrucchiere di qualità”

La vera sfida, quindi, è riempirla di SIGNIFICATO CONCRETO, esplodendo la singola parola in messaggi specifici per la cliente che ti guarda.

Cosa significa quindi “esplodere la singola parola in significati concreti”? Significa andare nel dettaglio.

Per aiutarti in questo compito, ti faccio un esempio ricorrendo al mio lavoro.
Mi occupo di comunicazione per i saloni e per pubblicizzarmi potrei usare 2 tipi di messaggio.

MESSAGGIO n° 1:
Offro un servizio di qualità ai saloni che vogliono migliorare la propria comunicazione online e offline.

MESSAGGIO n° 2:
Mi occupo di comunicazione, online e offline, per i saloni. Lo faccio partendo da alcuni punti fermi.

  • Per descrivere il salone e farlo spiccare rispetto ai competitor è indispensabile creare un’identità grafica. Per farlo serve studio, conoscenza del cliente, capacità di tradurre in ambito grafico le idee. Perché se l’immagine del salone è poco professionale questo si riflette anche sulla sua reputazione.
  • Analizzo i dati ciclicamente e faccio dei test. Studio per ciascuno le parole più adatte per raccontarlo. Cambio i formati visual, modifico gli angoli di attacco del copy, per capire quale sia l’abito di comunicazione più adatto per il salone.
  • Faccio molte domande per conoscere il modo di lavorare del salone. La mia regola è: se non è chiaro a me che conosco questo settore, difficile che lo sia per i clienti.

QUAL È LA DIFFERENZA TRA I 2 MESSAGGI?
Lunghezza a parte, nel n° 2 non ho mai usato la parola “qualità” ma ho invece cercato di tradurre in pratica cosa significhi per me.

Ho cercato di rendere visibile ai tuoi occhi, concreto e tangibile qual è il mio approccio al lavoro.

Cosa devi fare tu

Ogni volta che vorrai utilizzare la parola “di qualità” abbinata ad un trattamento, prova a chiederti:

  • “Quali sono i dettagli, le procedure, le caratteristiche che lo caratterizzano e lo differenziano dagli altri?
  • Quali sono gli elementi che tratteggiano ciò che faccio?”

Se affermi di utilizzare una stiratura di qualità, cosa significa in concreto? Puoi abbandonare l’espressione “di qualità” a favore di una descrizione migliore di ciò che fai e usi.
Ad esempio:

  • Prevede l’impiego di ingredienti specifici come…..?
  • Utilizzi una tecnica diversa di applicazione. Quale?
  • Dura di più degli altri servizi. Quanto di più?
  • Hai una garanzia “soddisfatta o rifatta”?
  • Ne hai già eseguite 50 da quando l’hai introdotta?
  • …..

Cerca cioè di non fermarti alla scatola vuota della “qualità”, ma di darle corpo, di riempirla di significato concreto per la cliente (parlando in modo semplice e con un linguaggio non tecnico).

Se vuoi clienti che ti scelgono e siano disposti a pagare qualche euro in più, devi pensare con cura alle parole che utilizzi. Scoprirai così che hai molto più da raccontare e da comunicare di quanto pensi.

Lascia che i tuoi colleghi usino pure la scorciatoia della parola “parrucchiere di qualità”. Nell’immediato acquisiranno “un tono”, ma il tempo darà ragione a te, che con fatica, hai riempito di sostanza e significato quella parola.

1 approfondimento gratuito ogni settimana

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi ricevere altri approfondimenti su copy, gestione dei social, campagne commerciali e marketing per parrucchieri, iscriviti alla nostra newsletter “Il Punto”. Ogni mercoledì alle 18:00 la riceverai via mail. Lascia i tuoi dati qui sotto e rimani in contatto con noi!

siamo Guido e Veronica

Taglio Manageriale è il nostro studio di consulenza marketing specializzato esclusivamente nel settore parrucchieri.

Scopri le nostre
Guide Gratuite

Torna in alto